Categories
Uncategorized

Quanto vale il nostro Tempo?

Guarda il video su Youtube!

Se c’è una cosa che contraddistingue le esistenze di tutti quanti noi, dal primo all’ultimo, sono le scelte che compiamo. Scelte che, il più delle volte, corrispondono a progetti. Sono il piccolo passo che segna la direzione di una vita o, più frequentemente, di una giornata. Quei minuscoli atti che ti sembrano insignificanti, ma che possono decidere molto dell’economia di una vita.

Pensiamo di essere fermi ma in realtà siamo in costante movimento, anche se non ce ne accorgiamo, o facciamo finta di non accorgercene. In ogni istante creiamo il mondo che ci circonda e ci circonderà, non perché fuori di noi non esiste nulla, ma perché è a noi che quel fuori si manifesta. A noi come esseri umani, a me che parlo, a te che ascolti. E’ proprio il movimento il problema. Perché tutto passa, anche se a volte i nostri attimi ci sembrano infiniti.

E questo non li svilisce, anzi, ne dimostra in pieno tutta l’importanza. Sì, perché in quell’eterno movimento siamo immersi anche noi e sono proprio quegli attimi a definire la nostra direzione. Quindi è una questione di tempo, diciamocelo senza giri di parole. Chi non ha tempo non ha scelta, non può prendere alcuna direzione. E’ il tempo la prerogativa fondamentale delle nostre vite. Solo in un orizzonte temporale ci è possibile essere chi siamo o chi vorremmo essere.

Forse per questo dovremmo tutti prenderci un po’ più di tempo. E’ attraverso il continuum del tempo che noi avvertiamo di essere uniti, di essere proprio quel soggetto che eravamo 10 minuti fa, quel soggetto che possiamo pensare come Io. Per Husserl, il tempo è una serie di punti, una serie di rimandi interni al soggetto. Perché è sempre il mio tempo; anche se spesso lo dimentichiamo il tempo appartiene a noi stessi, perché è soltanto grazie al tempo che possiamo decidere che direzione imboccare.

Quindi prendiamoci, sempre, il nostro tempo.